ott 172013
 

LA CANZONE DEL FABBRO FERRAIO

…”Curva la fronte – le braccia nude,
desto coi primi – raggi del sol
batto il martello – sopra l’incude,
poiché la fiamma – lo rammollì”

…”questa mia vita – dura a vederla,
forma m’accresce – mi dà piacere,
questo sudore – che il crin m’ imperla,
è la corona – del buon artier.
Picchia o martello – squilla sonoro,
Viva l’ Italia – viva il lavoro”…