Ottavio Spagnuolo, Confutazione della
“Teoria della Subsidenza di Venezia”

 

 
Vedi anche: “Commemorazione di Ottavio Spagnuolo a un anno dalla scomparsa.“.
Vedi anche: “Ottavio Spagnuolo sul Progetto Nicolazzi-MOSE 1988-90“.
 

In queste pagine edito, impaginati per il Web, gli articoli e i disegni di Ottavio Spagnuolo pubblicati nei due numeri di “GEO tecnica e tecnici” in mio possesso: quello n. 305 del 15 Maggio 1991 e quello n. 394 del 23 Dicembre 1994. Tali numeri mi sono stati personalmente affidati da Ottavio stesso all’atto di interrompere la sua presenza informativa personale in città. Ho motivo di credere che contengano un esauriente sunto della sua visione tecnica dei fenomeni idraulici della Laguna di Venezia.
Troverete inoltre alcuni dei cartelli destinati da Ottavio alle sue ultime installazioni informative erratiche.

Iniziamo con la Lettera al Direttore del Gazzettino, inviata da Ottavio in data 31 Ottobre 1988 e citata in GEO n. 305.

Lettera di Ottavio Spagnuolo al direttore del Gazzettino, Padova 31 Dicembre 1988

  10 Responses to “Ottavio Spagnuolo, Confutazione della
“Teoria della Subsidenza di Venezia””

  1. Si, docoumenti enteresanti e senpatego Otavio, le go viste anca mi le so istalasion pal pasà; so sta coestion de maree-enondasion o negamenti se pol dir ke:
    se trata de na “enondasion da marea” parké l’acoa ke se alsa en lagouna e somerxe le tere emerse lè acoa de mar ke la se alsa co le maree.

  2. No, Ottavio gera un sciensiato e un tecnico, e usava le parole co proprietà. La marea sé un inalsamento ciclico del livello de l’aqua dovuo par a l’atrassion gravitassional de la Luna.
    In laguna anca ghe sé sto fenomeno, come in tuti i speci de aqua, ma el sé una variassion irilevante.
    Queo che causa l’inondassion, sé invesse l’ingolfarse de la marea ne la strettoia adriatica, e el rimbalasar de l’onda fra le rive de sto mar.
    Sto fenomeno se ciama “sessa”, e sé lu (insieme a certi venti) a causar le aque alte ecessionai, che a tuti i efeti in Laguna assume la carateristica de l’inondassion, e no de la marea.

  3. Però sta “sesa/sessa” lè ligà a la marea, parké sensa marea no a ghè sesa.

  4. Me spiego mejo: l’acoa alta lè ligà a la marea e la pol aomentar de altesa par via de le onde de sesa (determenà da la presion atmosferega) e del vento.

  5. Par capirse, se ti sbati el late ti otien el butiro, se ti sbati la muca una tartara. :-)
    La marea sé un fenomeno planetario che podemo considerar quasi costante. Sé le condission del paesaggio e quele atmosferiche che determina le enormi variassion de altessa de marea, sia col cambiar dei lioghi che col cambiar dei giorni.
    Par piasser no stà postar link a istitussion sotomesse a le deinquense de partito e ai capitai del malafar, parché i scanceo.
    Lesite ben Otavio, e ti vedarà quanto busiere che sé organisassion come quea che ti voevi citar.
    Go avuo modo de verificar anca de persona, la credibiità dei divulgatori de bufale come quea de l’inalsamento del mar, e no go esitassion alcuna nel cassarle, almanco da ste pagine, dove che ghe sé solo studi generosi e disinteressai.

    • Sì sì a te dixi ben: la marea la ghè, en pì a olte se xonta le onde de sesa/sessa doveste al variar de la presion atmosferega e le onde del vento ke anseme le produxe l’acoa alta. La marea 50/80 cm no la somerxe Venesia ma la alsa l’acoa cusì co lè la so staxon riva la sesa e el vento ke li alsa el livelo fina 150 cm e pì cusì se somerxe, enonda Venesia.
      Prasiò xe vero ke la xe na enondasion ma parké el livelo de l’acoa lè xa stà alsà da la marea. La sesa e el vento, se no ghe fuse la marea no le negaria/somerxaria/enondaria Venesia.

      • Se se lexe ben l’articolo del xornal, scrito da Otavio, me par ke se cate ke lù el ga afermà ke en lagouna la marea no la ghè parké la se ferma a le boke de porto sensa entrar en lagouna. La sarà sta na enpreçexion da foga o na malformasion del jornalista kel ga trascrito la letara, però cusì se cata scrito.

  6. No, no la sé una imprecision, parché a le boche de porto l’aqua ghe mola de comportarse da marea o vero da onda (moto circolare sul posto), e deventa una corrente, o vero un moto traslativo orisontal. La difarensa fra i do fenomeni sé enorme.

  7. Adesso gò capio chi che ti sé! Mandi Berto!